:: Oltre l'Apparenza ::
Benvenuto visitatore...
questo forum è aperto a tutti coloro che hanno
la sensibilità e la voglia di confrontarsi senza timore.
Se lo troverai in sintonia con te
sarà un privilegio accoglierti tra noi.



 
IndiceCalendarioFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 Cibi adulterati, non è più reato Sparite le pene p

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Cibi adulterati, non è più reato Sparite le pene p   Sab Gen 15, 2011 9:19 pm

Mi sembra una decisione gravissima e demenziale.

Ma dove arriveremo??????

Dal Corriere:

Cibi adulterati, non è più reato Sparite le pene per chi vende cibo avariato.


Dalle cozze tossiche alle mozzarelle blu: cancellata la norma che tutelava i consumatori

MILANO - Mercato ittico di Torino, quest'estate. Il pesce fresco esposto al sole, oltre 28 gradi, e alle mani dei clienti. Controllo dei carabinieri dei Nas. Reato: cattivo stato di conservazione, in base alla legge sulla Tutela degli alimenti numero 283 del 30 aprile 1962. Pena: arresto da tre mesi a un anno o multa fino a 46 mila euro.

Tutto questo però fino a metà dicembre 2010, poi più niente. Perché quella legge, tante volte applicata dal procuratore di Torino Raffaele Guariniello, è stata cancellata. Non esiste più, grazie all'entrata in vigore della procedura «taglia-leggi» (legge numero 246 del 28 novembre 2005). E non esistono più i reati che contemplava. Dalle cozze «tossiche» allevate a Trieste a quelle infettate dal virus dell'epatite o dal vibrione del colera, dalle alici con il parassita (l'anisakis) alle mozzarelle blu, dal maiale alla diossina ai cibi scaduti e «rinfrescati» cambiando le etichette, dalle cotolette alla salmonella alla carne vecchia «ringiovanita» con i coloranti, dal vino adulterato con additivi chimici all'olio di oliva fatto senza olive, dalle farine alimentari con il prione (vedi Mucca pazza) al mascarpone botulinato, dagli ortaggi con il piombo alle salse rese più rosse da sostanze cancerogene, dalle acque minerali ricche in cloroformio al pane o alla mortadella agli escrementi... L'elenco è chilometrico: tutti reati che oggi, con un colpo di bacchetta magica legislativa, non esistono più. Per mancanza di legge.

C'era stato un tentativo nel 2007 di «depenalizzare» tutti questi reati. Le polemiche bloccarono tutto. Oggi, invece, legge cancellata del tutto. E con essa quelle garanzie a tutela della salute pubblica (perché di salute pubblica si tratta) e della qualità made in Italy (quanti dei reati cancellati hanno in passato colpito prodotti fatti all'estero: pummarola colorata e latte in polvere con colla, mozzarelle blu e uova alla diossina). Difficile ora correre ai ripari: da questo momento, e fino all'entrata in vigore di un'eventuale nuova norma, sarà zona franca. Ieri mattina il procuratore Guariniello ha segnalato il problema al ministro della Salute Ferruccio Fazio, che si è subito attivato per correre ai ripari. La zona franca, però, ora c'è. Niente più magistratura di mezzo (a parte i casi gravi o mortali da codice penale), niente più sequestri preventivi, niente più blitz dei Nas.

Ma come è potuto accadere? Semplice. Tutte le disposizioni legislative anteriori al primo gennaio 1970 sono state cancellate dal «taglia-leggi», tranne quelle ritenute «indispensabili alla permanenza in vigore» che sono state elencate. La legge 283 del 1962 sulla tutela degli alimenti nell'elenco non c'è. Dimenticanza, distrazione, volontà? Non si sa. Quello che è evidente è che in Italia vi sono molti reati in meno. Cancellati per legge. Nella speranza che, gustando un tiramisù al botulino, nessuno resti paralizzato.

Tornare in alto Andare in basso
flilla
Scrittore eccelso!!!
Scrittore eccelso!!!
avatar


MessaggioTitolo: Re: Cibi adulterati, non è più reato Sparite le pene p   Dom Gen 16, 2011 2:11 pm

......e noi che speravamo tanto nella legislazione italiana che ha sempre salvaguardato la salute dei consumatori!!!!!!!
Da sempre ho sentito dire, anche ultimamente, che i prodotti italiani sono sicuri al cento per cento perchè da noi i controlli sono certosini, i NAS, la Guardia di Fiananza, tutti a controllare che gli alimenti siano sani, non adulterati o scaduti, lavaggi del cervello a noi per convincerci a controllare le etichette e mò tutto inutile?
rabbiaaaaa
Non ci posso credere nuoooo daiii , sembra lo facciano apposta, remano contro gli onesti commercianti ed a noi ingenui consumatori.
Ancora non si sono levate le voci delle associazioni dei consumatori e dei produttori italiani eh??
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
lisa
Oltre l'apparenza....
avatar


MessaggioTitolo: Re: Cibi adulterati, non è più reato Sparite le pene p   Dom Gen 16, 2011 5:29 pm

Ho trovato questa notizia e così come trovata la posto!

Spero che sia vera per il bene di tutti noi consumatori spesso poco considerati ma parecchio sfruttati.

"Cancellata la legge sui cibi adulterati". La notizia è una bufala ma tutti ci cascano (La Stampa, Corriere della sera, La Repubblica, TG la 7....)

La notizia sulla presunta cancellazione della legge 283 del 1962 - lo strumento più noto e diffuso per sanzionare in sede penale gli illeciti alimentari - gira in Italia da qualche giorno. E' apparsa sui siti internet di quotidiani nazionali come il Corriere della sera, La Repubblica e la Stampa in decine di altre testate. I toni sono concitati e ovunque si afferma che la legge sarebbe stata cancellata dal ministro Calderoli.
Ma la notizia è falsa!
Tutto è iniziato il 22 dicembre scorso quando il “Sannio quotidiano” riferiva di un commerciante assolto dal reato di detenzione di sostanze alimentari in cattivo stato di conservazione. Secondo la tesi difensiva (a quanto pare, accolta dal giudice di merito) la norma che punisce questi fatti – articolo 5 della legge 283/62 appunto - risulterebbe abrogata a partire dal 16 dicembre 2010.
Ciò deriverebbe, secondo il teorema difensivo, dalla c.d. “legge-delega per la semplificazione legislativa” (voluta appunto dal citato ministro) nella quale è prevista l’abrogazione di tutte le disposizioni legislative statali pubblicate prima dell’1 gennaio 1970, con eccezione di quelle indicate nei suoi decreti di attuazione.
Una lettura distratta delle norme in tema di semplificazione potrebbe in effetti portare a credere che anche la legge 283 del 1962 sia stata “spazzata via”, ma grazie al cielo non è così. La legge-delega per la semplificazione esclude infatti dall’abrogazione, in linea di principio, tutti i provvedimenti che rechino in epigrafe la dicitura "codice" o " testo unico" (legge 246/05, articolo 14, comma 17). E tra questi provvedimenti si iscrive a pieno titolo anche la legge 283/1962, rubricata come “la disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande”, meglio conosciuta come la legge sui cibi adulterati. D’altra parte se così non fosse lo stesso Codice penale (che risale al 1930) sarebbe stato abrogato, e le patrie galere si svuoterebbero all’improvviso!
A dispetto di quanto riportato su vari siti e giornali, rimane dunque in pieno vigore l’articolo 5 della legge in questione, che recita quanto segue:


“È vietato impiegare nella preparazione di alimenti o bevande, vendere, detenere per vendere o somministrare come mercede ai propri dipendenti, o comunque distribuire per il consumo sostanze alimentari:
- private anche in parte dei propri elementi nutritivi o mescolate a sostanze di qualità inferiore o comunque trattate in modo da variarne la composizione naturale, salvo quanto disposto da leggi e regolamenti speciali;
- in cattivo stato di conservazione;
- con cariche microbiche superiori ai limiti stabiliti […];
- insudiciate, invase da parassiti, in stato di alterazione o comunque nocive, ovvero sottoposte a lavorazioni o trattamenti diretti a mascherare un preesistente stato di alterazione;
- con aggiunta di additivi chimici di qualsiasi natura non autorizzati […] o, nel caso che siano stati autorizzati, senza l'osservanza delle norme prescritte per il loro impiego […];
- che contengano residui di prodotti, usati in agricoltura per la protezione delle piante e a difesa delle sostanze alimentari immagazzinate, tossici per l'uomo […]”.

Certo una “rinfrescatina” alla legge del ’62 non guasterebbe, visti i grandi passi avanti sulla sicurezza alimentare fatti negli ultimi anni dalla legislazione europea. Ma sino a che non si provveda a una riforma organica della materia, nessun venditore di alimenti insudiciati o conservati male potrà sottrarsi al processo.

Vale comunque la pena di ricordare che la tutela del consumatore in ambito alimentare è garantita anche dal Codice penale:

Commercio di sostanze alimentari nocive - Chiunque detiene per il commercio, pone in commercio ovvero distribuisce per il consumo sostanze destinate all'alimentazione, non contraffatte né adulterate, ma pericolose alla salute pubblica, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa non inferiore a € 51,65. La pena è diminuita se la qualità nociva delle sostanze è nota alla persona che le acquista o le riceve.” (art. 444 c.p.),

Frode in commercio - Chiunque, nell’esercizio di una attività commerciale, ovvero in uno spaccio aperto al pubblico, consegna all’acquirente una cosa mobile per un’altra, ovvero una cosa mobile, per origine, provenienza, qualità o quantità, diversa da quella dichiarata o pattuita, è punito, qualora il fatto non costituisca un più grave delitto, con la reclusione fino a due anni o con la multa fino a € 2.065,83. Se si tratta di oggetti preziosi, la pena è della reclusione fino a tre anni o della multa non inferiore a € 103,29.” (art. 515 c.p.).

Vendita di sostanze alimentari non genuine come genuine, art. 516 c.p. Chiunque pone in vendita o mette altrimenti in commercio come genuine sostanze alimentari non genuine è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa fino a € 1.032,91.

Possiamo ancora dormire sonni tranquilli, dopo una buona cena in Italia
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
flilla
Scrittore eccelso!!!
Scrittore eccelso!!!
avatar


MessaggioTitolo: Re: Cibi adulterati, non è più reato Sparite le pene p   Dom Gen 16, 2011 6:01 pm

allora meglio così, cessato allarme, grazie Lisa
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Cibi adulterati, non è più reato Sparite le pene p   Dom Gen 16, 2011 9:02 pm

Mi auguro che sia davvero cosi', pero' i giornali che hanno pubblicato la notizia, con


altrettanto rilievo dovrebbero smentirla per tranquillizzare i consumatori.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Cibi adulterati, non è più reato Sparite le pene p   Lun Gen 17, 2011 9:36 pm

Oggi in macchina sentivo alla radio che le due maggiori associazioni di consumatori si sono

fatte promotrici di un'azione volta a far ripristinare questa legge che pare sia stata davvero

abrogata, spero per errore....
Tornare in alto Andare in basso
lisa
Oltre l'apparenza....
avatar


MessaggioTitolo: Re: Cibi adulterati, non è più reato Sparite le pene p   Lun Gen 17, 2011 9:45 pm

Grazia ho trovato questo :lo posto anche se lungo e spero davvero come te che sia la verità!

La falsa notizia della legge sulle frodi alimentari abrogata dilaga in rete. Si tratta di una super bufala. E' il momento di rettificare

La notizia sulla cancellazione della legge contro le frodi alimentari dilaga in rete e sui giornali ma si tratta di una “super bufala”, dicono gli avvocati esperti di diritto alimentare che il ilfattoalimentare.it, ha consultato in questi giorni. Purtroppo basta digitare su Google le parole “legge frodi alimentari” per trovare centinaia di riferimenti e articoli proposti da siti come Repubblica.it, Corriere.it, Lastampa.it …..

Sono scesi in campo addirittura partiti politici, associazioni di consumatori ecc.

Gli elementi per riprendere la notizia sulla cancellazione della legge in effetti ci sono tutti:

-la fonte, due articoli pubblicati sul Corriere della sera e su La Stampa

- un nome importante come quello del procuratore di Torino Guariniello, ben noto alle cronache per le sentenze “avanzate”, che sposa la tesi della legge cancellata

- un tema di estrema attualità come quello delle frodi alimentari

- l’indignazione dei giornalisti che esprimono in modo colorito il loro disappunto

- il nome del ministro Calderoli, ben noto al grande pubblico per le sue performance, indicato come responsabile del provvedimento.

L’input è molto avvincente e ci sono i presupposti per riempire pagine di giornali ma, ma la verità è un’altra: nessun testo legislativo abroga la legge contro le frodi alimentari. Certo la vicenda è un pò complicata e anche la normativa è altrettanto complessa ma questa conclusione è una certezza. Per questo motivo il magistrato di Benevento che nella sentenza ha sostenuto l’abrogazione della legge 283 del 1962 a partire dal 16 dicembre 2010 e anche il procuratore Guariniello di Torino che supporta in qualche modo questa tesi probabilmente sbagliano. E’ vero che una sentenza della Terza sezione penale della Corte di cassazione del febbraio 2010 supporta la tesi dell’abrogazione, ma si tratta di un abbaglio e un’interpretazione scorretta del testo di legge.

La questione è stata esaminata anche dall’Ufficio studi del senato della Repubblica qualche mese fa e alla fine viene ribadito il concetto che la legge non è abrogata.

Tutto è iniziato come dice Dario Dongo sul nostro sito con una sentenza assolutoria decisa da un tribunale in provincia di Benevento, nei confronti di un commerciante imputato di detenzione di sostanze alimentari in cattivo stato di conservazione. Il giudice nella memoria conclusiva accoglieva la tesi dell’avvocato difensore secondo cui la legge 283 del 1962 sarebbe da considerare abrogata.

Si tratta però di una lettura distratta delle norme in tema di semplificazione varate dal ministro Calderoli. La legge-delega per la semplificazione esclude infatti dall’abrogazione, in linea di principio, tutti i provvedimenti che rechino in epigrafe la dicitura "codice" o " testo unico" (legge 246/05, articolo 14, comma 17). E tra questi provvedimenti si iscrive a pieno titolo anche la legge 283/1962, rubricata come “la disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande”, meglio conosciuta come la legge sui cibi adulterati.
A dispetto di quanto riportato su vari siti e giornali, rimane dunque in pieno vigore l’articolo 5 della legge in questione proprio quello che punisce i reati di frode alimentare.

Ci aspettiamo a questo punto che qualcuno cominci a rettificare e a diffondere le notizie corrette.


La prima regola del giornalismo è verificare la fonte, e a volte occorre incrociarne più di una soprattutto quando si parla di argomenti molto delicati. Purtroppo il diffondersi a macchia d’olio in rete e sui giornali di questa falsa notizia è un elemento preoccupante. Vuol dire che la rete è un sistema di informazione libero e capillare che arriva ovunque, ma che diventa anche un ottimo metodo per rilanciare notizie false e per diffondere leggende metropolitane.

Roberto La Pira


Fonte:Il Fatto Alimentare
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Cibi adulterati, non è più reato Sparite le pene p   Lun Gen 17, 2011 10:00 pm

Al corso sull'alimentaristica finito un mese fa l'ispettore dell USLL dicheva che sono state abrogati molti reati alimentari, ma non l'adulterazione che è sempre penale. Penso avrebbe saputo di eventuali tentativi di modifica dato che se depenalizzi un reato i supervisori com'era lui rischinao di finire a spasso... :)
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Cibi adulterati, non è più reato Sparite le pene p   Sab Gen 22, 2011 5:38 pm

Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Cibi adulterati, non è più reato Sparite le pene p   

Tornare in alto Andare in basso
 
Cibi adulterati, non è più reato Sparite le pene p
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
:: Oltre l'Apparenza :: :: Introspezione :: Libertà di parola-
Andare verso: